Nozioni di base sull’illuminazione in pCon.planner – 5 fonti di luce

In una presentazione, anche l’illuminazione svolge la sua parte. È importante simulare un’illuminazione reale per creare un’atmosfera unica per il tuo render.
In questo articolo abbiamo raccolto le funzioni base di pCon.planner dedicate all’illuminazione e come utilizzarle per illuminare il tuo progetto nel modo più naturale possibile.

Luce Ambientale: al fine di fornire un’illuminazione base per gli utenti meno esperti, pCon.planner mette a disposizione la luce ambientale. È impostata come standard per ogni nuovo progetto e garantisce la visibilità di qualsiasi altra fonte di luce. La luce ambientale è adatta alla realizzazione di singoli render o stanze aperte senza soffitto.

Luce Ambientale

Rendering con solo le impostazioni predefinite e senza soffitto

Quando le stanze sono chiuse con un soffitto, la luce ambientale non basta ad illuminare la stanza, ed è qui che entrano in gioco le altre fonti di luce. Tutte le illuminazioni le possiamo trovare nella scheda “Avvia”, alla sezione “Costruzione”.

Luce Direzionale: diamo prima un’occhiata alla luce derivante da una sola direzione. Viene utilizzata per simulare le condizioni di luce e ombra in una giornata di sole e illumina il progetto uniformemente e su una vasta area. Può essere utilizzata per rappresentare l’incidenza della luce solare.

Luce Direzionale

Con la luce direzionale puoi rappresentare la luce del sole

Luce Area: poiché la luce direzionale non è ancora sufficiente per illuminare la stanza, è necessario garantire che anche l’interno sia illuminato. La Luce Area serve a questo: simula fonti di luce rettangolari, come le luci LED negli uffici ed è adatto per illuminare piccole aree o singole stanze in modo uniforme dall’alto o dai lati.

Per illuminare una stanza chiusa, puoi disegnare una Luce Area su tutta la superficie della stanza impostando l’intensità al minimo. In questo modo illuminerai la stanza in modo rapido e uniforme.

Luce Area

In questa immagine puoi vedere luci area che illuminano tutta la stanza con una minima intensità e luci area più intense per illuminare la credenza

Luce Spot: se vuoi far luce sui punti salienti di un piano, i riflettori sono l’illuminazione adatta: riproducono un cono di luce simile a quello di una torcia.  Puoi regolare sia l’angolo di apertura che il raggio d’azione, rendendo questa sorgente luminosa molto versatile.

Punto Luce: l’ultima fonte di luce è il cosiddetto “Punto Luce” che, come già suggerisce il nome, emette luce a 360° dalla sorgente in qualsiasi direzione. Può essere utilizzato su lampade aperte sui lati o posizionato al centro della stanza per enfatizzare alcuni parti del disegno.

Punto Luce e Luce Spot

Con la luce spot o il punto luce puoi illuminare i punti salienti del tuo progetto

Spetta a te ora comprendere quale fonte luminosa sia più adatta al tuo caso. Ma, in conclusione, possiamo dire che la luce influenza sempre lo stato di un progetto ed è quindi altamente soggettivo. Tuttavia, combinando abilmente le singole sorgenti luminose, i nostri utenti riescono sempre a creare immagini mozzafiato e realistiche.

Ed ecco qua: queste sono le diverse fonti di luce in pCon.planner che puoi provare. Se vuoi saperne di più, dai un’occhiata al nostro dettagliato centro di assistenza online qui.

Condividere è bello

Leave a Reply

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.